Webtg n.11 del 24 marzo 2017

     
 

Riprendono i lavori al grattacielo della Regione Piemonte, grazie a una bozza di accordo sottoscritta con Cmb e Monte Paschi di Siena. Lo ha annunciato il vicepresidente della Giunta regionale Aldo Reschigna alla Prima Commissione. Preoccupazioni su ritardi e rischi contenziosi sono state espresse dalle opposizioni.

In settimana la Prima Commissione ha intensificato i lavori per esaminare il bilancio di previsione 2017-2019 della Regione Piemonte. Garantiti – ha sottolineato la Giunta - gli stessi fondi del 2016 su cultura, istruzione, diritto allo studio, politiche sociali e fondi strutturali europei.

Una marcia per dire no alle mafie ha unito idealmente, il 21 marzo, 4mila luoghi in tutta Italia e almeno 500mila persone.
Si è contraddistinta così la XXII Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime delle mafie di Libera, che in Piemonte si è svolta a Verbania e ha visto partecipare circa 8mila persone.

Torna Ragazzi in Aula, progetto di educazione civica del Consiglio regionale che permette agli studenti di vestire, per un giorno, i panni dei consiglieri regionali, ideando, scrivendo, discutendo e votando il testo di una legge. La giornata conclusiva si svolgerà in Aula il prossimo 12 maggio.

Immigrazione, sviluppo dei popoli, cooperazione internazionale. Se ne è parlato a Palazzo Lascaris, nel convegno “Lo straniero”, organizzato dal Comitato regionale per i Diritti umani, con il coordinamento interconfessionale “Noi siamo con voi”.

L'"Atlante delle stragi naziste e fasciste in Italia" raccoglie oltre 5 mila episodi che hanno causato più di 20 mila vittime, di cui 2872 piemontesi. La banca dati, voluta dal Consiglio regionale, finanziata dalla Repubblica Federale Tedesca e promossa da Anpi e Istituto "Ferruccio Parri, ha coinvolto 130 ricercatori ed è stata presentata al Polo del 900.

"Quale cognome per i figli?” è il titolo del convegno promosso a Palazzo Lascaris dallo Zonta Club International con il patrocinio della Consulta Femminile. Tema dell’incontro, la sentenza della Corte Costituzionale che prevede che d’ora in poi (con l’accordo dei genitori) il doppio cognome possa essere imposto al figlio legittimo.

27/03/2017